EDITORIALE   

Nanoworld, un mondo in rapida evoluzione

Gabriella Carcassola

NOTIZIE   

a cura della Redazione

ATTUALITÀ   

Antibioticoresistenza

Antimicrobici somministrati agli animali da reddito, si prevede un incremento del 52% entro il 2030

a cura della Redazione

Secondo una recente indagine la quantità di antimicrobici somministrati agli animali destinati alla produzione di alimenti potrebbe aumentare del 52% entro il 2030, raggiungendo così le 200.000 tonnellate/anno. Questa inquietante proiezione non farebbe altro che aggravare la già preoccupante minaccia della resistenza agli antimicrobici, con gravi ripercussioni sulla salute umana e animale. Solo politiche più rigorose in materia potrebbero limitare i danni.

DOSSIER - Life sciences, biomedicale, biotecnologie, nanotecnologie   

Nanosafety, il fondamentale ruolo della ricerca

a cura della Redazione

La sicurezza ambientale delle nanoparticelle e, di conseguenza, dei nanomateriali, è da tempo argomento di discussione. I progressi del “nano world” sono sotto gli occhi di tutti e sono talmente rapidi che gli studi volti alla valutazione dei rischi ad esso associati sono spesso in ritardo. È quindi evidente che la ricerca riveste e rivestirà a lungo un ruolo di primaria importanza nello studio del destino, del comportamento e della pericolosità tossicologica ed ecotossicologica dei nanomateriali prodotti dall’uomo.

Nanomateriali ingegnerizzati, alimenti e normativa

Vitantonio Perrone, Paolo Tucci

Anche il settore alimentare è un terreno fertile per i nanomateriali ingegnerizzati. Dolci, creme, caramelle, salse… sono solo alcuni degli alimenti che ne possono contenere. Ma le nanotecnologie hanno fatto molta strada anche nel campo dei cosiddetti Moca, ossia dei materiali e degli oggetti destinati a entrare in contatto con gli alimenti. Ma a che punto sono gli studi per valutare il potenziale impatto di tali materiali sulla salute e sull’ambiente? Cosa dice l’attuale normativa per il settore alimentare?

BusinessNews   

a cura della Redazione

PHARMA... E DINTORNI   

Biotecnologie

Leishmania, il sequenziamento del genoma di un ceppo attenuato rivela nuovi biomarcatori di attenuazione

Eleonora Maria Viganò

I vaccini richiedono trial lunghi e complessi, in quanto non devono solo indurre un’efficace protezione nei confronti di una determinata infezione, ma devono anche essere sicuri. In caso di virus o parassiti attenutati, ad esempio, è importante che non si verifichino mutazioni in grado di vanificarne l’attenuazione. Il recente studio su un possibile vaccino contro la leishmaniosi viscerale è un ottimo esempio di applicazione della bioinformatica e del sequenziamento per valutare i biomarker di attenuazione.

ProductNews   

a cura della Redazione

GREENLAB   

Riciclaggio

La digestione anaerobica potrebbe ridurre le microplastiche presenti nei fanghi di depurazione

a cura della Redazione

L’Unione europea consente la distribuzione dei fanghi delle acque refl ue ricchi di sostanze nutritive sui terreni agricoli, a scopo di riciclo. Tuttavia, la contaminazione dei fanghi con microplastiche rappresenta un serio rischio per gli ecosistemi. Un recente studio ha esaminato le caratteristiche delle microplastiche presente nei fanghi di depurazione derivanti da tre tipi di trattamento delle acque refl ue, dimostrando che la digestione anaerobica dovrebbe essere oggetto di ulteriori indagini quale potenziale metodo di riduzione di questi pericolosi inquinanti ambientali.

GreeNews

a cura della Redazione

AGENDA   

a cura della Redazione

L'accesso alle versione online è gratuito,

selezionando la voce a sinistra